Office de tourisme et des congrès

Le cattedrali

L'"Antica Major"
Dal V secolo diversi edifici si succedono in questo luogo, ma la chiesa attuale risale alla metà del XII secolo. È un bell’esempio di architettura romanica provenzale costruita in pietra rosa delle cave della Couronne. Il campanile fu costruito nel XIV secolo. Rimane cattedrale fino al 1852, ma continua a fungere da chiesa parrocchiale negli anni ’50. La costruzione della nuova cattedrale ha tagliato due campate dell'Antica Major ma ha permesso di riportare alla luce il battistero paleocristiano nel piano centrale, quadrato all'esterno e ottagonale all'interno, di dimensioni impressionanti, e dal decoro davvero raffinato. È stato risotterrato e la nuova Major è stata costruita al di sopra. L'edificio è stato classificato tra i Monumenti Storici nel 1840. Non è possibile la visita dell'Antica Major.

La Nuova Major
Marsiglia conosce nel XIX secolo un formidabile sviluppo sociale, demografico ed economico che conduce ad un periodo di grandi lavori. Luigi-Napoleone Bonaparte pone la prima pietra della Nuova Cattedrale nel 1852, consacrata nel 1896, su progetto dell’architetto Léon Vaudoyer. Con la sua morte nel 1872, Henry Espérandieu, architetto di Notre-Dame della Garde e del Palazzo Longchamp, riprende la costruzione fino alla sua scomparsa nel 1874. È infine Henri Revoil che termina la nuova cattedrale. Di stile romanico-bizantino, è a forma di croce latina con deambulatorio. La sua lunghezza totale è di 146 m, la cupola principale è di circa 70 m di altezza e di 18 m di diametro. La Nuova Major è stata classificata Monumento Storico nel 1906.

 

Nel 1995 Monsignor di Mazenod (1782-1861) è stato canonizzato da Giovanni Paolo II; il suo corpo riposa nella grande cappella del deambulatorio della cattedrale.

 

I depositi situati nelle volte ai piedi della Major hanno interrotto la loro attività commerciale alla fine degli anni '70. Nel 2014, questo luogo è stato ristrutturato e ha lasciato spazio per un nuovo concetto urbano, ovvero un polo di incontro e convivialità. “Les Voûtes Marseille”  oggi accolgono negozi, ristoranti, bar.


OTCM