• image_fond
Vous êtes ici : Scoprire Marsiglia...  >  Patrimonio  >  Il Palazzo Longchamp
 

Il Palazzo Longchamp

Dal XVI secolo si progetta di scavare un canale che alimenterebbe Marsiglia con l’acqua della Durance. È nel XIX secolo che il problema dell’acqua diventa un’ossessione per la municipalità, aggravato da un’epidemia di colera nel 1835. Dal 1838 vengono presentati progetti per la creazione di questo canale e viene infine scelto quello dell’ingegnere di Ponts e Chaussées Franz Mayor de Montricher. Per scavare il canale, lungo 85 km, si è reso necessario realizzare tratti sotterranei, costruire 18 ponti - acquedotto, e ci sono voluti 10 anni di lavoro e la tenacia di alcuni amministratori. Dall’inizio del cantiere nel 1839, si immagina la costruzione di un "castello d’acqua" monumentale in onore di quest’acqua così preziosa. Fra diversi progetti, viene approvato quello dell’architetto di Notre-Dame de la Garde, Henry Espérandieu, che sarà scelto per edificare il più notevole degli edifici costruiti a Marsiglia sotto il Secondo Impero.

Il monumento, inaugurato nel 1869, celebrava l’arrivo dell’acqua dal canale della Durance a Marsiglia, che si ritrova evocato nella decorazione. Il celebre scultore di animali Antoine Louis Barye ha realizzato i leoni e le tigri dell’ingresso, e la fontana monumentale al centro del colonnato è opera di Jules Cavelier.

Riunisce nello stesso sito il Museo di Belle Arti, il Museo di Storia Naturale e un parco botanico che un tempo era zoologico.

Installato nell'ala sinistra del Palazzo, rimodernato e riaperto nel 2013, il museo delle Belle Arti ospita dipinti, sculture e disegni dal XVI al XIX secolo, ed è il più antico museo marsigliese, creato nel 1801.

Nell'ala destra del palazzo si trova il Museo di Storia Naturale  dal 1869. Il Museo riunisce le collezioni di camere delle meraviglie del XVIII secolo e i doni di Stato. Nel 1967 le sue collezioni gli hanno fatto ottenere la classificazione in prima categoria, assieme ad altri nove importanti musei di Francia.

L’Osservatorio è il più antico centro scientifico della città. Prima dellla sistemazione sul pianoro di Longchamp, esso era installato agli Accoules. Oggi è un centro di trattamento dei dati rilevati dai più grandi telescopi del mondo e ottenuti dalle grandi ricerche spaziali, e un laboratorio di sviluppo strumentale.

Oltre alle attività di ricerca, l’osservatorio è aperto al pubblico e agli studenti, e l’associazione  propone regolarmente attività di diffusione dell’astronomia. Inoltre, l’osservatorio ospita una bellissima sala di strumenti antichi che il gruppo "Patrimonio" presenta al grande pubblico e alle classi scolastiche.

A- A+ | PARTAGER | Impression
 
Book your hotel
Search for accomodations
Météo
air
25 °C
ciel:
Beau météo