Office de tourisme et des congrès

MuCEM

Progetto governativo del Ministero della Cultura e della Comunicazione, il Museo delle Civiltà dell'Europa e del Mediterraneo, primo grande museo francese del XXI secolo dedicato alle civiltà mediterranee e diretto da Bruno Suzzarelli, aprirà le porte a Marsiglia il 7 giugno 2013.

Con circa 45.000 m2 suddivisi in tre siti, il MuCEM si trova all'ingresso del porto, sul molo portuale del J4 e nel Forte Saint-Jean; due luoghi ce sono il simbolo dell'attuale sviluppo della città e della sua ricchezza storica. Le collezioni del museo sono conservate alla Belle de Mai presso il Centre de Conservation et de Ressources.
Il MuCEM rappresenta un luogo multidisciplinare e aperto a tutti, dove antropologia, storia, archeologia, storia dell'arte e arte contemporanea si incontrano e dialogano. Questo museo offre uno sguardo culturale, sociale ma anche scientifico e politico sulle civiltà che hanno costituito il mondo mediterraneo dalla preistoria ai giorni nostri.

Il MuCEM è anche un importante spazio per la conoscenza e gli scambi culturali, e affronta le poste in gioco della modernità: oltre alle mostre principali, propone a tutti i tipi di pubblico un gran numero di conferenze, dibattiti, spettacoli, cinema, documentari, performance o semplicemente la possibilità di passeggiare nei giardini mediterranei del forte Saint-Jean.
Il MuCEM fluttua tra cielo ed acqua, e per la sua invidiabile posizione, rappresenta un progetto di vasta portata per il Mediterraneo. Aperto sul mare, delinea un orizzonte in cui si incontrano le due sponde del Mediterraneo.

Un museo, 3 siti

  • Il J4

Il nuovo edificio, costruito sull'antico molo portuale J4 dall'architetto Rudy Ricciotti assieme a Roland Carta, è il cuore del MuCEM. Il J4 (15.000 m2) accoglierà due aree per le esposizioni: la prima con la Galerie de la Méditerranée, dedicata alla scoperta delle fasi principali delle civiltà mediterranee; la seconda area ospiterà due mostre temporanee: "Le Noir et le Bleu. Un rêve méditerranéen" e "Au bazar du genre". il J4 ospiterà un'area dedicata ai bambini, un auditorium per la presentazione di spettacoli, concerti, cicli cinematografici, una libreria e un ristorante con terrazza panoramica.

  • Il Forte Saint-Jean

Il forte Saint-Jean restaurato (15.000 m2), è un monumento storico le cui origini risalgono al XII secolo. Collegato al J4 da un'alta passerella, si apre sul mare e permette ai visitatori di godere di panorami spettacolari fino ad ora inediti. Il pubblico è così invitato a passeggiare nel nuovo giardino mediterraneo per scoprire le ricchezze delle collezioni d'arte e tradizioni popolari del MuCEM, oltre alle creazioni contemporanee del Mediterraneo. Permetterà anche di approfittare di spettacoli all'aperto, di un caffè e una libreria-negozio. Una seconda passerella lo collega al quartiere del Panier, e parte dalla porte Royale del forte verso la chiesa Saint-Laurent.

  • Il Centre de conservation et de ressources (CCR)

Un terzo sito, nel quartiere della Belle de Mai, ospita il Centre de conservation et de ressources (CCR – 14.000 m2), ideato dall'architetto Corinne Vezzoni assieme ad André Jollivet. Luogo di conservazione delle collezioni, il CCR è anche l'occasione ideale per far visitare i dietro le quinte del museo, che comprendono molti spazi aperti al pubblico: riserve accessibili, una zona di consultazione di documenti, un luogo di esposizioni temporanee.

www.mucem.org